Le Leggende Di Mezzanotte. Ep.10: Repleh Snatas

Siamo arrivati all’ultimo capitolo delle “Leggende Di Mezzanotte”. In questo mese sabbatico che mi sono preso ho valutato le vostre risposte alla domanda: “Quale leggenda urbana vorreste vedere pubblicata sul mio blog?”. La Leggenda più quotata è stata quella della Sindrome di Lavandonia, collegata al videogioco per GameBoy “Pokemon”. Essendo però troppo comune e mainstream in questo periodo ho deciso di fare di testa mia, fino ad arrivare ad una leggenda molto particolare e molto creepy!

Benvenuti sul sito di Repleh Snatas!

c07c47_d8e1638975c54a268a35ed91d3572b92.jpg_srz_980_739_85_22_0.50_1.20_0 (1).00

Esistono diverse storie collegate a questo sito, ma vi voglio narrare una mia versione basata sul racconto trovato su Reddit:

Apparentemente è solo un gioco, ma non crediate che queste cose non possano nascondere una qualche verità apparente. Se ne parlava a scuola, sulle pagine FB della nostra classe ed erano in molti a condividere quel maledetto sito sul loro profilo. Anch’io lo feci, ma esattamente come tutti loro, non avevo mai avuto il coraggio di aprire quella pagina, o meglio, di arrivare alla fine del “gioco”. Ho resistito per diversi mesi, ma alla fine l’ho fatto e me ne sto pentendo tuttora sperando che un giorno possa finire questo gigante peso che mi sento sulla coscienza. Ma partiamo dall’inizio. Eravamo io, Sammy e Jake. Ne avevamo parlato per un po’ di tempo durante gli intervalli a scuola e alla fine ci trovammo d’accordo per giorno e orario a casa mia. I miei genitori erano partiti in crociera lasciandomi a casa per la prima volta. Del resto, ormai avevo 16 anni e per ogni evenienza mia nonna abitava nella via adiacente alla mia. Era il 14 di Ottobre. Il ricordo di quel giorno è così nitido e forte nella mia mente anche se ormai sono passati 5 anni…

Fuori pioveva e noi tre eravamo davanti allo schermo del mio pc. Con il groppo in gola scrivemmo il link del sito e… boom… era appena iniziato l’incubo dal quale, forse, non usciremo mai più. La grafica del sito era molto semplice, minimale ma di forte impatto. La musica usciva spettrale dallo speaker del computer, martellante e dolorosa. Proseguimmo nel gioco; immagini disturbanti e veloci ci scorsero davanti come in un carosello infernale fino alla schermata finale. Una candela accesa e uno spazio bianco nel quale dovevamo inserire un nome. Il gioco diceva che la persona il cui nome veniva scritto in quello spazio, sarebbe stata perseguitata per sempre da incubi e visioni che lentamente l’avrebbero condotta alla pazzia. Era un patto col diavolo quello che stavamo facendo? Col groppo in gola ci guardammo per un attimo. Tutti avevamo pensato allo stesso nome: Claudia. Claudia era la ragazza più popolare della scuola. Quella che ti sminuiva sempre, quella che ti umiliava e che ci stava facendo passare l’inferno. Lentamente iniziai a battere le lettere sulla tastiera, fino a comporre il suo nome. Il puntatore del mouse si fermò un attimo sul pulsante “Conferma” e lo spinsi fino in fondo. La candela accesa sul monitor si spense, e uno specchio apparve dallo sfondo nero. Un’animazione grottesca mostrava la mano cadaverica di una ragazza che usciva dallo specchio. Poi il niente. La pagina si ricaricava da sola, riportandoti all’inizio del gioco. Tutto questo era solo uno scherzo v<ero? Tutti a scuola parlavano di uno scherzo, chi diceva che fosse solo un fake o un sito in Flash di scarsa attenzione. Come mai allora, proprio adesso, mi trovo seduta ad un tavolino del Saint Mary Psichiatric Hospital con Claudia, con lo sguardo assente, la bava alla bocca e il suo volto scavato dai graffi delle sue crisi di schizofrenia?

Era solo un gioco vero?

Era solo un gioco…

Esistono diverse versioni di questa leggenda, legate tutte a questa fantomatica pagina web. Ci sono racconti di vittime su Reddit, su 4Chan e gente che chiede aiuto su Yahoo Answer dopo aver completato in gioco.

Il link per iniziare in gioco è questo: www.replehsnatas.com

La leggenda è costruita sulla storia di una bambina che si dice che sia stata uccisa da padre perché convinto che fosse la figlia di Satana. Era solito chiuderla in una stanza piena di specchi in attesa che Satana si facesse strada attraverso di loro per venirla a prendere. Si dice che lei venne trovata morta in quella stanza con la giugulare tagliata accanto ad uno specchio rotto. Suo padre venne trovato morto impiccato alla tromba delle scale. Si dice che il sito web si aprì da solo dopo che un cavo del telefono, durante un temporale, cadde sulla tomba della bambina. Come se la sua anima si fosse trasferita nell’etere per gridare vendetta.

Il sito è ancora accessibile ed è stato creato con “Wix”, un provider per la creazione di siti internet semplici ed essenziali.

La storia narrata all’inizio dell’articolo, presenta diverse imperfezioni:

  1. Per prima cosa la ragazza della storia si sente responsabile della follia causata alla sua “amica” Claudia. Il gioco sul sito non termina proprio in quella maniera. Alla fine appare uno spazio bianco dove bisogna inserire il proprio nome e la propria E-Mail. La leggenda narra che la bambina tornerà a mezzanotte per giocare con chi ha iniziato il gioco. Esistono diversi racconti collegati a persone che invece di usare il proprio nome hanno inserito il nome di un’amico o di qualche conoscente. La bambina del sito, in quel caso, apparirà ogni notte nei suoi sogni per spaventarla fino a che la persona “posseduta” non sarà morta.
  2. Inserendo il proprio nome e tornando sul sito a mezzanotte esatta, si dice che l’interfaccia del sito cambi completamente. Appariranno delle foto della bambina con uno strano maschio sulla fronte. Infine una scritta ci dirà che la bambina può uccidere per noi una persona che noi odiamo in cambio della nostra anima. A quel punto apparirà la stessa banner bianca dove inserire un nome e sotto un’altra banner con scritto “Password”. La password da inserire è “Repleh Snatas”. A quel punto lo schermo diventerà nero e apparirà la scritta “Your soul is damned”. Cosa succede dopo, non ci è dato saperlo…
  3. La bambina non vuole farci del male. Non è quello il suo scopo. Vuole soltanto giocare con noi attraverso il sito web. Ci sono testimonianze di persone che hanno “finito” il gioco con lei: si dice che dopo un mese circa di collegamenti a mezzanotte sul sito appaia una scritta: “Thank you to join with me. You help me to feel me like a live girl, and i can understand that now i have a new friend. Your soul will be blessed for the eternity. Thank you again (nome della persona che ha giocato)”. Il sito, da quel momento in poi, non sarà più disponibile per chi ha finito il gioco in maniera corretta.

t268678_2zz223d

Siamo liberissimi di credere che questa sia solo una leggenda o che ci sia del vero dietro alla storia. Prima di concludere con questo articolo voglio lasciarvi delle piccole curiosità sull’argomento:

  • Repleh Snatas, letto al contrario, è Satan’s Helper.
  • Il sito è apparso dal nulla sul web nel 2002. Chi ha provato a tracciare il link per sapere di più sul suo creatore, narra sempre la leggenda, è sparito senza lasciare traccia.
  • Il sito replehsnatas.com non funziona dai cellulari (quindi non provateci nemmeno)
  • Si dice che la storia del Sito Maledetto abbia ispirato film come “Paura.com”, “Pulse” e “Devour”.
  • Repleh Snatas non è l’unico sito maledetto del web, ma di certo il più famoso. Ne esistono almeno una decina che scompaiono per poi riapparire magicamente nel FreeWeb. Per quanto riguarda il DeepWeb è tutta un’altra storia…
  • Le immagini disturbanti e creepy che appaiono sul sito durante il gioco, sono delle classiche fotografie di fantasmi o di demoni facilmente recuperabili sul Web.

 

Per “Le Leggende Di Mezzanotte” è tutto.

Spero che vi sia piaciuta e che vi siate divertiti a leggerla almeno la metà di quanto io mi sono divertito a scriverla. Abbiamo fatto uno strano giro del mondo: dalla Grecia all’America, dall’Italia alla Polonia etc. Ci siamo spaventati ma abbiamo imparato che spesso la realtà riesce a prendere il sopravvento sulla Leggenda, lasciandoci liberi da incubi o da terrori.

Ancora grazie per questo tour che abbiamo intrapreso insieme!!!

Accetto suggerimenti per nuove rubriche o richieste per il proseguo di questa.

Annunci

Un pensiero su “Le Leggende Di Mezzanotte. Ep.10: Repleh Snatas

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...