Le Leggende Di Mezzanotte. Ep.8: I Black-Eyed Children

Ci stiamo avvicinando sempre di più all’episodio finale di questa rubrica. Ovviamente voglio aumentare la tensione e lo spavento raccontando leggende urbane al limite dell’horror puro e semplice. Questa settimana, pur essendo molto lontani dalla leggenda precedente sulla Kuchisake-Onna, vi porterò nel Texas, precisamente nella fiorente cittadina di Abilene, dove nessun uomo è al sicuro quando è braccato da un gruppo di Bambini dagli Occhi Neri…

Erano circa le 7:12 del pomeriggio. Ethan Cowell aveva appena parcheggiato la sua utilitaria davanti al bianco garage che costeggiava il giardino. Apre lo sportello, preleva la sua 24ore dal bagagliaio e si dirige verso il portico di casa. Era Ottobre e i lampioni lungo la strada si stavano accendendo piano piano per illuminare la fine di una giornata grigia e ventosa. Ethan gira l’angolo, e vede un gruppo di bambini vestiti di bianco, con i capelli di un biondo platino che stavano bussando alla porta. Era ancora presto per la notte di Halloween. Che ci facevano davanti alla porta di casa?  

“Bambini non c’è nessuno in casa! Volete vendermi dei biscotti?” 

Il bambino più alto si girò lentamente e piano piano si voltarono anche gli altri quattro. Fu lì che Ethan venne colpito dal terrore più profondo della sua vita. I bambini avevano gli occhi tutti neri e la loro pelle era di un bianco quasi trasparente. Le vene del volto si intravedevano di un colore verdognolo, quasi a contornare i loro lineamenti pallidi. Ethan lasciò cadere la 24ore a terra e si mise ad urlare, per attirare l’attenzione dei vicini. I bambini stavano avanzando verso di lui, con movimenti lenti ma decisi. L’uomo indietreggiava tenendo però lo sguardo fisso su di loro. Il “capo branco” alzò la mano destra e fermò gli altri. Racconta Ethan, ora rinchiuso nel reparto di Sanità Mentale dell’ospedale di Abilene, che il bambino scomparì in un secondo per riapparire davanti ai suoi occhi un istante dopo. Non aprì mai bocca, non ha mai emesso un suono, ma si è limitato a guardarlo nel buio dei suoi occhi fino a perdersi. Dice, sempre Ethan, che la sua anima risiede la dentro e che aspetta ancora che quel bambino torni da lui per riportargliela.

bambini-con-gli-occhi-neri-600x300

La leggenda racconta questo. Il tutto risale ad un post del 1998 scritto su un Forum dal reporter texano Brian Bethel come risposta alle numerose segnalazioni di questi Bambini Fantasma. Racconta che Ethan era un suo amico e che la madre gli aveva ripetutamente chiesto di andarlo a trovare per raccontare la sua storia. La cosa strana è che ci sono centinaia di racconti su questi Bambini che vanno dal Texas all’Oregon, passando per altrettante centinaia di cittadine limitrofe. Tutti raccontano la stessa storia spiegando che questi Bambini qualche volta bussano alla porta di casa, altre volte chiedono l’elemosina e altre volte fanno l’autostop lungo alcune strade poco trafficate. Brian Bethel, fece anche un’apparizione televisiva nel programma “Monsters and Mysteries in America“, dove raccontò ancora una volta la sua storia.

Ma la Leggenda Urbana non finisce qui: nel Settembre del 2014 il Tabloid inglese Daily Star, pubblica tre pagine dedicate agli avvistamenti dei Black-Eyed Children collegati con la vendita di un Pub infestato a Staffordshire. L’articolo conteneva anche testimonianze e supposizioni da parte di gruppi di Ghost Hunters inglesi, con teorie che vanno dai fantasmi ai vampiri fino agli extraterrestri.

untitled

Ma la scrittrice e scienziata statunitense, Sharon A. Hill, in un suo articolo conferma che la figura dei bambini dagli occhi neri non è altro che una storia folcloristica come quella dei Cani Fantasma o di altri mostri infernali.

La storia ha ispirato anche uno dei film più famosi della storia dell’horror mondiale: sto parlando del film del 1995, diretto da John Carpenter, Il Villaggio Dei Dannati. Famoso remake a colori dell’omonimo film del 1960 di Wolf Rilla.

mondi_nuovi_under_the_dome_7

Nonostante questo, le voci sugli avvistamenti non si sono fermate e ogni tanto, in qualche piccolo Forum o in qualche Community dedicata al paranormale, si sentono storie che parlano ancora di loro.

Di quei bambini, che con i loro occhi vuoti, ti succhiano l’anima per condurti alla follia…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...