Crimson Peak. Si o No? Un’Analisi Del Nuovo Film Di Guillermo Del Toro.

E un altro Halloween è passato. Con amarezza non sono riuscito ad accontentarvi pubblicando l’articolo del 31 Ottobre. Imprevisti e poco tempo disponibile hanno fatto saltare tutto quello che mi ero prefissato. Tra le novità del nuovo anno anno celtico che è appena iniziato (Samhain), c’è quella della new entry del blog, la nuova collaboratrice Ilaria Barba.

Come primo articolo ci propone un’insolita analisi personale di uno dei film più attesi di questo lungo 2015.

ATTENZIONE!!! CONTIENE SPOILER!!!

Buona lettura.

Guardando il trailer, Crimson Peak, aveva l’aspetto di uno dei film più belli dell’anno.

Mi aspettavo un horror psicologico alla pari del famosissimo “The Others”…

Tutto inizia da un incontro: Edith, la figlia di un ricco imprenditore inglese riceve un’inaspettata visita da parte di sua madre. Perché inaspettata? Mi chiederà il lettore. Ebbene la donna, vittima del colera, era passata a vivere in quella realtà parallela che tutti sperano per i loro cari, morti da pochi giorni. Lei metterà in guardia sua figlia da “Crimson Peak”. Al di là dello spavento sostenuto con gran coraggio, quei sussurri non hanno alcun senso per la protagonista (a quel tempo ancora una bambina). Il medesimo incontro viene riproposto quando Edith, ormai adolescente, incontra un signorotto (caduto in rovina e dunque senza patrimonio), di nome Thomas. Quest’ ultimo arriva in america con sua sorella (Lucille), per raccogliere fondi e proporre il suo congegno ingegneristico in grado di raccogliere l’argilla racchiusa all’interno di alcune miniere di sua proprietà. É proprio ad una di queste presentazioni che incontra lo sguardo della protagonista, della quale ne resta affascinato. Un uomo alto, pallido in volto, dai capelli scuri e l’aspetto misterioso e macabro che difficilmente passa inosservato. Intanto ci viene presentato il migliore amico di Edith: il classico principe azzurro delle favole. Un medico famoso, alto, biondo, dagli occhi azzurri e dall’aspetto del classico bonaccione. É facile comprendere di chi si innamora la fanciulla. In ogni caso, la sera del famoso incontro tra Edith e Thomas, avviene il secondo incontro tra la protagonista e sua madre, e la filastrocca non cambia: “sta lontana da Crimson Peak!!!“.

Continuano a non aver senso quelle parole.

tomhiddleston_crimsonpeak

L’attore Tom Hiddleston, interpreta il bel tenebroso Thomas.

Il film allora inizia a creare tutta una serie di aspettative nei confronti di questa Crimson Peak (che tarda dall’esserci svelata). Personalmente ho fatto parecchie congetture: sangue, morte, demoni, spettri, bambini sacrificati… Ma torniamo alla storia.

Il padre della nostra Edith chiede di investigare sui due giovani, i fratelli Thomas e Lucille (personaggio menzionato solo all’inizio del film ed apparso solo poche volte, pur essendo fondamentale) e scopre un segreto tanto grave da negare il suo consenso ad un qualsiasi legame tra sua figlia ed il signorotto. Thomas in realtà risulta già sposato con una donna italiana. Egli decide di pagare i due fratelli per permettere loro un tranquillo rientro a casa.

Ma come? Il padre già scopre che qualcosa non va? Non ci vuol molto a scoprire che lo stesso morirà nella scena successiva e che la figlia partirà per Londra insieme al suo amato e sua sorella.

Ecco che appare a noi “Crimson Peak” nomignolo di Allerdale Hall derivante dal colore cremisi del quale si colora la neve a causa dell’argilla su cui poggia le sue fondamenta.

Comincia il film, mi son detta!

Questa proprietà, simile a molti castelli già riproposti in molti film, risulta lugubre, fredda, buia, poco illuminata, ricca di stanze segrete e mal ridotta al punto che da soffitto cadono petali di fiori e foglie secche.

Crimson-Peak-Tom-Mia

L’ingresso della fatiscente Allerdale Hall, con quei riferimenti gotici già usati nel suo film “Il Labirinto del Fauno”.

Petali e foglie secche, (quanto sono alti questi alberi?) E poi indovinate: appena entrati in casa il signorotto vieta ad Edith di inoltrarsi giù nelle miniere.

Perfetto direi, mi hai raccontato dove nascondi tutti i tuoi segreti.

La stessa sera Edith vede un fantasma di colore rosso, che pur non riuscendo a parlare, riesce a manifestare tutta la sua sofferenza tramite gesti e scricchiolii.

La protagonista comincia a subire un’inspiegabile gelosia da parte di sua cognata che continua a metterle fretta per trasferire il suo patrimonio nella dimora.

Ecco la chiave dell’ intero film: il denaro.

Gli spiriti non sono altro che un contorno (importante o meno) all’avarizia di un uomo disposto ad uccidere anche i suoi genitori per raggiungere i suoi scopi. I corpi ritrovati all’ interno della miniera non sono altro che i corpi delle giovani che, precedentemente si sono innamorate dell’ingannevole illusione d’amore per Thomas il quale le uccise perché interessato solo al loro denaro. Come ogni favola Disney insegna, però, l’amore trionfa sempre ed anche se lo stesso Thomas muore dopo una lite con sua sorella e amante Lucilla, riesce a salvate Edith da una morte certa. Il combattimento tra le due donne é estremamente ridicolo: dopo essere precipitata dal terzo piano, Edith non subisce alcun danno fisico ed é infatti pronta alla battaglia finale.

Alla fine dei giochi Lucilla muore.

Intanto arriva il principe azzurro che, nonostante abbia subito due coltellate da Lucille sembra non risentirne, e scappa insieme ad Edith per tornare in America.

I fantasmi che la giovane vede all’interno della casa mentre si allontana su di una strada cosparsa di sangue e neve, sono quelli delle vecchie vittime dei due fratelli.

Insomma, vissero tutti felici e contenti

Ilaria Barba

Annunci

Un pensiero su “Crimson Peak. Si o No? Un’Analisi Del Nuovo Film Di Guillermo Del Toro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...