Tarako. The (Creepy) Pasta Sauce.

All’inizio volevo inserire questo articolo nella sezione “Trash…ort Of The Month“, ma dato il suo alto contenuto disturbante, ho preferito inserirlo nella categoria degli Special Post dedicati ai CreepyPasta.

La storia che vi racconterò ha dello strano. Prima di tutto perchè ci troviamo di fronte ad uno spot pubblicitario. Seconda cosa, è una pubblicità per bambini.

Come ho sempre puntualizzato, i giapponesi, hanno degli standard visivi, uditivi e simbolistici molto diversi da noi occidentali.

Mi vogliate perdonare se, in questo articolo, non sarò esaustivo e completo come nei miei precedenti. Il motivo è semplicemente perchè “non ho notizie a riguardo per parlarne“.

Proveremo quindi (e qui chiedo cortesemente la vostra attenzione e il vostro aiuto), a cercare di dare delle spiegazioni e interpretazioni, più o meno valide, per rendere capibile questo spot terrorizzante.

Iniziamo con il primo spot pubblicitario. Dico primo perchè ne esistono più di 5 versioni differenti. Io vi mostrerò quelli più significativi.

Il prodotto che viene sponsorizzato è il Tarako Pasta Sauce, una specie di condimento per la pasta giapponese a base di merluzzo d’Alaska e uova. Questo video, ha bisogno di varie visualizzazioni per accorgersi di varie curiosità, che personalmente trovo molto terrorizzanti. proviamo ad elencarle:

  • I protagonisti di questo video sono i Kewpie, la cui traduzione dal giapponese è “bimbi di merluzzo”. Questi bambini rossastri, si muovono in gruppo (come i banchi di merluzzi). Immaginare dei cuccioli di pesce con un volto da neonato, molto vivido e dettagliato, spinge subito lo spettatore attento a chiedersi il “perchè” di tutto questo. Questi kewpie, comunque, saranno il “logo” della salsa Tarako e saranno tutti presenti in ogni spot pubblicitario.
  • In ogni video c’è sempre un bambino o una bambina che appare in una situazione molto strana, fin dalla prima apparizione: i bambini sembrano sempre, e ripeto SEMPRE, morti! La bambina del primo video, sembra imbalsamata e messa a tavola con lo sguardo vuoto (non ha gli occhi), e la bocca aperta (tipica del rilassamento dei muscoli facciali in una fase post mortem).
  • A sostegno di questa mia teoria, al secondo 0,15 del video, possiamo notare una struttura di legno a destra che somiglia ad una croce, come se il regista volesse far notare a tutti che la bambina in esame è realmente morta. Mi sono soffermato molto attentamente su quel frame e non trovo nessun’altra somiglianza tra quella struttura in legno e qualsiasi altra cosa esistente in natura che non sia una croce. Inserirla nel video come se fosse una specie di elemento decorativo o di arredamento, non ha alcun senso logico.
  • La canzoncina della pubblicità è raccapricciante. C’è qualcosa, in quelle tonalità vocali, di disturbante. Avete presente la musica del Creepypasta di Lavandonia (del quale ho parlato qui)? Questa canzone sembra che usi gli stessi toni binaurali, come se volesse suggerire agli spettatori dei messaggi subliminali, forse semplicemente atti all’acquisto del prodotto.

Passiamo adesso alla seconda versione dello spot pubblicitario dei Tarako:

In questa versione ci sono alcune differenze sostanziali con la prima. Vediamo quali:

  • La bambina protagonista non è più prima di occhi ma ha l’iride rivolta verso l’alto. Come se fosse svenuta o, come credo io, fosse uno stato di Trance Ipnotica. La bocca, però, è sempre spalancata.
  • Al posto della croce di legno ci sono due strutture molto simili alle Ziggurat Incas. Anche questa volta, sembra che siano qualcosa di più rispetto ad un semplice oggetto decorativo. Provo ad azzardare un’ipotesi (ma vi prego non prendetemi per un complottista alla Adam Kadmon): le Ziggurat (o piramidi a gradoni) erano dei templi che servivano a vari culti, tra cui anche il culto dei morti e dei sacrifici umani. Le Ziggurat, così come le piramidi Egizie avevano anche la funzione di tombe. Che il regista voglia, anche in questo caso, farci intendere qualcosa di più?
  • Questa volta, al secondo 0,15 dello spot, la bambina cambia espressione e posizione al tavolo, mentre uno dei Kewpie gli gira davanti agli occhi, sopra il suo piatto, in una maniera ipnotica, cosa che avvale sempre di più il messaggio subliminale/ipnotico sviluppato dalla canzone e dalle immagini proposte. Non è un caso che tra le descrizioni di alcuni di questi video pubblicitari ci sia la scritta “WARNING!!! This Spot May Cause BRAINWASHING!!!“. Che ci sia qualcuno che abbia qualcosa da raccontare riguardo alle esperienze avute dopo l’ascolto “ripetuto” di questa canzone?

Voglio mettervi anche la versione di questa pubblicità, uscita per ultima:

Questa volta le cose sono totalmente cambiate. E’ come se il pubblico, la ditta di produzione dei Tarako o “qualcun altro”, abbia voluto effettuare un cambio radicale nello stile dello spot pubblicitario. Questa volta il bambino è felice. Usa oltretutto i Kewpie come strumentisti per suonare il jingle dei Tarako. Non so se sono stato il solo a notarlo, ma questa volta la canzoncina sembra che sia stata privata di quella tonalità ipnotica che aveva nelle scorse versioni. questa volta l’ascolto risulta quasi piacevole, senza disturbare o sconvolgere l’ascoltatore. Un sito americano che ho trovato online che presentava, anch’esso, i Tarako, commenta così:

Don’t leave your children alone at the kitchen table with a plate of spaghetti—they may be harassed by a rotating army of monstrously huge Kewpie-faced bean-shaped fish eggs, accompanied by a catchy theme song.

I’ve had the song stuck in my head for about two and a half years. After the jump, I bestow the joy onto you.

Tra le poche curiosità che sono riuscito a reperire in giro ho trovato che:

  1. La pubblicità dei tarako è considerata una “national obsession” in Giappone.
  2. I Kewpie sono stati inseriti, sottoforma di “MOD”, in moltissimi videogiochi provenienti da ogni parte del mondo. Spesso gli esserini rossi, sono privi di occhi e dalle loro orbite sgorga del sangue. Esiste una versione pirata di Sonic, dove il porcospino blu deve fuggire da un Kewpie indemoniato che lo insegue ed esiste un bellissimo MOD di Skyrim

    55421-2-1404068638

    Il Mod di Skyrim per incontrare i Kewpie nel gioco.

  3. Sempre in Giappone, la pubblicità dei Tarako, è diventata parte integrante delle Urban Legend sui fantasmi nipponici (non chiedetemi perchè, tanto non ho trovato una spiegazione).
  4. Le Tarako Dolls (i peluches dei Kewpie), sono tra gli oggetti più amati dagli Otaku (i collezionisti di oggetti giapponesi occidentali)

Concludo il post chiedendo cortesemente ai lettori che, qualora fossero in possesso di ulteriori notizie sulla leggenda dei Tarako, mi facciano sapere via E-Mail (che trovate nella pagina “Come Evocarmi“) oppure via Commenti all’articolo. Provvederò a raccogliere le vostre informazioni e pubblicherò un’ Errata Corrige apposita.

Annunci

Un pensiero su “Tarako. The (Creepy) Pasta Sauce.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...