La Triste Storia Di Nattramn, Mani Di Porco.

Come vi avevo promesso, un noto blogger italiano di nome “Creepysoul” mi ha contattato scrivendomi una possibile analisi approfondita sulla vicenda di Nattramn, Mani di Porco.

Per non togliere il lavoro a nessuno, vi linko il post dell’amico Creepysoul, nel quale potrete leggere la storia in esame: http://haipauradelbuiostoriedipaura.wordpress.com/2014/09/19/nattramn-mani-di-porco/

In primis voglio specificare che questo non è il classico Creepypasta. Nella classificazione dei CP questo genere di storie viene chiamato RC, ovvero, “Real Creepy“. Paradossalmente, e fortunatamente non succede spesso, si prendono eventi realmente accaduti e ci si costruisce un racconto Creepy sopra. L’altro RC di cui mi ricordo, fu il caso di John Wayne Gacy, conosciuto anche come “The Killer Clown”. Lo stesso Stephen King, basandosi sulla vicenda, ci ha creato il personaggio di “IT/Pennywise”. Eppure John Wayne Gacy, ha realmente ucciso centinaia di bambini vestito da Clown, seppellendoli nel giardino di casa sua. Ogni storia basata su un randomico pagliaccio che uccide porta il nome di John. Ed è per questo motivo che si parla di Real Creepy: storie horror basate su avvenimenti reali.

Siccome in questo caso sono chiamato a fare l’avvocato del diavolo su un Creepypasta che ha bisogno di un approfondimento, vi premetto già in partenza che vi “smonterò” il mito di Nattramn. Siete ancora in tempo per smettere di leggere, nel caso non vogliate sapere la verità:

  • Mikael Nilsson, in arte Nattramn, era il cantante di una band Black Doom svedese chiamata Silencer. Le caratteristiche delle band di quel genere sono i testi che inneggiano al suicidio. Un esempio lampante di una band del genere sono i famosissimi “HIM”. Spesso false notizie parlano erroneamente di canzoni dedicate a Satana o di evocazione ad alcuni demoni. Questa cosa è stata aggiunta dalla gente per creare il Creepypasta. Potete cercare tutti i testi dei Silencer e tradurli. In nessuna canzone si inneggia al satanismo. Mikael Nilsson è probabilmente un depresso, sociopatico, psicologicamente deviato.
  • “Il loro primo ed ultimo disco si chiama: “Death – Pierce me“; la musica veniva accompagnata da un sottofondo di urla strazianti, colpi di tosse, conati di vomito, pianti ecc…”. Questa cosa è vera. Ma vi invito a riflettere su una cosa. Ricordate le innumerevoli canzoni dei Queen che riprodotte al contrario, dicono cose altrimenti nascoste? Vi ricordate che in alcune canzoni dei Beatles, nel sottofondo, si sentono voci che piangono la morte di Paul Mc Cartney? Non a caso Mikael Nilsson, una volta sciolta la band dei Silencer, inizia a lavorare come solista ad un progetto Ambient Metal. L’Ambient Metal, prende suoni registrati dall’ambiente e li butta come base musicale in una canzone. L’esempio più famoso sono i Sigur Ros, gruppo Islandese che lavora su rumori ambientali creando un perfetto collegamento musicale. Specificare, quindi, che nelle sue canzoni troviamo urla strazianti, conati di vomito o altro, mi sembra un po’ troppo accusatorio per creare, anche in questo caso, il Creepypasta perfetto.
  • “Mikael, un giorno, decise di tagliarsi le dita delle mani e farsi impiantare al loro posto delle zampe di maiale”. Questa cosa è stata totalmente inventata. Esistono però delle fotografie come questa che hanno alimentato la storia (delle quali, rispetto anche la volontà di Creepysoul, vi inserirò un link sul quale cliccare solo se non impressionabili: http://adimensional.com.mx/sitio/wp-content/uploads/2013/01/49D.jpg.). Le fotografie sono tutte false, o meglio, le foto sono vere ma la storia è falsa. Non esistono fotografie del cantante senza bende alle mani. Quindi, la storia corretta dice che Mikael, per crearsi un “personaggio”, si legava queste zampe di maiale alle mani vere, per avere un impatto sconvolgente sul pubblico. Adesso, cari lettori, non mi dite che una cosa del genere vi risulta strana. Lo stesso Marilyn Manson e Stuart Varney (chiamato “il vampiro”), usarono a loro tempo degli espedienti simili e su di loro sono state raccontate una marea di storie inventate per alimentare la fama del personaggio (e che dire di Ozzy Osbourne, che mangiò il pipistrello sul palco durante un concerto?). Proprio per questo motivo, a Mikael, venne affibbiato il nomignolo di “Mani Di Porco”, aumentando la sua visibilità nell’ambiente discografico. Sul palco, Nattramn, suonava tranquillamente la chitarra con le sue mani e non con le zampe di maiale.
  • “Per questo episodio Nattramn venne rinchiuso in manicomio e dopo un po’ di tempo fuggì per tentare di assassinare dei bambini e diventare così famoso come Thomas Quick, noto omicida svedese. Nattramn colpì con un’ascia una bambina di sei anni, uccidendola e ferendone gravemente un’altra. Poi scappò, scappò su una bicicletta perchè fù l’unico mezzo che trovò; i poliziotti lo inseguirono, ma lui al posto di scappare corse loro incontro dicendo di ucciderlo…”. Qui ci sono tantissime cose da analizzare. Primo fra tutti il fatto che fu rinchiuso in manicomio è vero, ma non per le motivazioni dette in precedenza. Mikael, caduto in rovina come cantante e musicista, venne trovato con le vene tagliate nel suo appartamento a Stoccolma. Salvato per un pelo, dopo una corsa contro il tempo in ospedale, venne rinchiuso in un ospedale psichiatrico perchè considerato pericoloso contro sè stesso. Si dice anche che probabilmente durante le registrazioni dell’album, per rendere il suo screaming (modo di cantare urlato, prerogativa del genere Metal) ancor più reale, decise di tagliarsi le dita delle mani. La vicenda della fuga dall’ospedale psichiatrico e la vicenda della bambina, non hanno nessun fondamento. La gente del web ci ha soltanto lavorato sopra, per trasformare la reltà in un Creepypasta convincente. La storia reale è che nel 2007 Mikael è stato dimesso dall’ospedale perchè considerato “guarito”. Recentemente è uscita una sua biografia (che purtroppo non è mai stata tradotta dallo Svedese), dove racconta la sua storia nei Silencer, aggiungendo testi, fotografie di repertorio e altro. Nel libro, neppure lui, accenna al tentato omicidio delle bambine al parco.

Come conclusione a tutto questo, spero di avervi risolto tutti i dubbi sulla figura reale di Nattramn, Mani Di Porco. Come spesso accade, ci facciamo falsi portavoce di personaggi con una psiche deviata, costruendo intorno a loro storie al limite della credibilità. Una volta filtrata la storia appare diversa e tristemente reale.

Mikael è ancora a piede libero e chissà che un giorno non si possa incontrare per parlare con lui del suo indimenticabile passato…

Se volete sapere qualcosa di più su un’altra importantissima figura dei Creepypasta, Jeff The Killer, Cliccate qui!!! Jeff The Killer. La Nascita Di Un Fenomeno Mediatico.

Annunci

10 pensieri su “La Triste Storia Di Nattramn, Mani Di Porco.

      • L’ho letto ma, quando non conosco l’argomento mi astengo dal dire la mia. Mi limito a leggere passivamente per il puro piacere di conoscere argomenti nuovi.
        Mi sono limitato a dire che hai argomentato bene il tuo intervento. Oltre non mi spingo.

  1. Non riscontro particolare attinenza tra il tagliarsi le dita e l’ottimizzazione dello scream, a meno che tale “operazione” non avvenga in presa diretta. Quantomeno singolare il parallelismo con i romantici cuor di panna HIM.

    • L’operazione avvenne, a quanto sembra, proprio in presa diretta.
      L’assonanza con il gruppo HIM, purtroppo, era dovuta in modo da far capire (anche lontanamente) del genere musicale di cui si parla. Di gruppi allo stesso modo commerciali che facciano Black Doom, non ce ne sono. Spero che comunque, critiche costruttive a parte, ti sia piaciuto l’articolo.

  2. Pingback: Jeff The Killer. La Nascita Di Un Fenomeno Mediatico. | L'Uomo Di Mezzanotte

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...