La Llorona. Take Care Of Your Children!!!

Questo video che ho trovato è davvero meritevole, sia per la sua realizzazione, sia per la storia di cui tratta.

Preparatevi allora a fare un viaggio nel misterioso Messico e alle sue straordinarie leggende metropolitane:

Spendiamo delle brevi parole sulla produzione del video, per poi lasciare spazio alle notizie creepy che circondano la Llorona.

Scritto, diretto e revisionato nel 2011 da “JoeNationTV“, una piccolo produttore americano di cortometraggi, parodie e sketches. Forse lo conoscerete per la webserie “The YouTube Assassin”, una serie conclusasi nel 2010, dal genere horror/thriller/demenziale. La persona importante che c’è dietro a questo video è un certo Tony E.Valenzuela: Tony è il produttore generale del corto che fa parte di una serie web (che ha avuto anche una grandissima audience nel corso degli anni), dal nome Black Box TV. La serie consisteva nel prendere le idee da parte dei votanti e seguaci del canale YouTube e trasformarli in cortometraggi. I suggerimenti dovevano essere, ovviamente, inerenti all’ambiente horror/dark. La serie conta di diversi cortometraggi di cui potrò parlare in qualche post futuro (soprattutto uno basato su Bloody Mary). Tony, sempre insieme alla sua “Black Box Tv”, parteciperà quest’anno al festival di cortometraggi canadese “Buffer Festival“, con un corto dal titolo molto interessante: The Dark Room: Stories of Magic, Mistery & Murder. Speriamo di avere qualche notizia più approfondita su questo nuovo corto. La protagonista del corto è la bellissima Taryn O’Neal, attrice canadese (con un passato da pattinatrice sul ghiaccio professionista!!!), famosa per aver recitato in molte serie tv tra cui “NCIS” a la serie “After Judgment” per la cui serie ha avuto una nomination come “Best Female Actor in a Drama Web Series“.

E adesso, bando alle ciance, passiamo alla vera protagonista di questo cortometraggio ovvero la Llorona:

Tutto si basa sulla leggenda messicana di Maria, una donna che si annegò insieme a suo figlio in un fiume nei pressi di Città del Messico. Esistono varie versioni di questa leggenda, ma quella più comune riguarda questa donna, Maria appunto, che venne messa incinta da un uomo ricco e che la abbandonò duranta la gravidanza. Impazzita e sconvolta da questo evento, si suicidò perché non riusciva ad immaginare una vita senza l’uomo che lei amava. Arrivata ai cancelli del paradiso, le fu vietato l’ingresso a differenza di suo figlio e, leggenda vuole, che sia costretta a vagare per l’eternità in cerca di suo figlio, straziata da un pianto disperato. La Llorona è conosciuta anche con il nome di “The Weeping Woman”, appunto, la donna piangente. Spesso è collegata con la leggenda di Bloody Mary, dato che anche per la Llorona si dice che, se si pronuncia il suo nome tre volte davanti ad uno specchio, con delle candele rosse accese, si possa vedere il suo volto alle nostre spalle. In molte versioni della leggenda, si dice anche che il fantasma di Maria venga la notte per rapire i bambini, in modo da sostituirli con suo figlio. In altre versioni si dice che attrae gli ubriachi e gli increduli per poi ucciderli riempiendo i loro polmoni d’acqua. Molte persone raccontano di continue apparizioni della donna, la resa tardi, lungo le i fiumi o i laghi di tutto il Messico che grida piangendo “Iay Mis Hijos!” (Dov’è mio figlio!).

La leggenda trova similitudini anche con la leggenda Celtica della Banshee, la fata morta che grida il suo dolore nelle foreste del Kerry.

Ci sono antiche leggende dalle quali potrebbe trovare fondamenta la storia della Llorona.

Durante l’epoca di Conquistadores spagnoli, si racconta che Cortez si fece aiutare come interprete da una donna Atzeca chiamata “La Malinche”. Si dice anche che rimase incinta da Cortez e che lui l’abbandonò per sposarsi con una donna Spagnola. In seguito La Malinche si uccise pugnalandosi al petto mentre allattava il figlio indesiderato. Non esistono fondamenti scientifici o scritti su questa leggenda. Fa parte solo di una diceria folcloristica risalente alle epoche delle conquiste spagnole.

La Llorona ha sempre avuto anche un grande effetto mediatico:

  1.  Nell’episodio Pilota della serie TV “Supernatural” la Llorona, appare come un’autostoppista fantasma, di bellissimo aspetto, che attira gli uomini infedeli alle proprie mogli all’interno di casa sua, per ucciderli brutalmente. Non è un caso che spesso la leggenda della Llorona e quella dell’autostoppista fantasma vengano confuse. Che sia perché tutte e due appaiano come donne dal bellissimo aspetto o che entrambe facciano parte del folclore di filone espanico?
  2. Nel 9° Episodio della Seconda Stagione della serie Tv “Grimm” la Llorona sceglie due bambini e una bambina per annegarne ognuno in una diramazione del fiume differente.
  3. La Llorona ha fatto parte anche delle crature della Hounted Mansion degli Universal Studios di Hollywood, durante l’evento Halloween Horror Night.
  4. Sempre la povera Maria appare come antagonista di Batman nel numero 52 della nuova serie della casa DC.
  5. La Llorona è diventata anche una bellissima canzone cantata da Chavela Vargas (e colonna sonora del meraviglioso film “Frida” con Salma Hayek). Con la metrica e sulla musia di questa canzone è stata scritta “La Llorona de los Estudiantes”, canzone di protesta contro la guerra.

Per questo post è tutto e… mi raccomando… Tenete sempre d’occhio i vostri figli e siate sempre fedeli alle vostre mogli…

La Llorona è sempre pronta a giudicarvi…

Annunci

3 pensieri su “La Llorona. Take Care Of Your Children!!!

  1. Pingback: L'Uomo Di Mezzanotte

  2. Pingback: Disconnected. Buona La Prima Per DaneBoe. | L'Uomo Di Mezzanotte

  3. Pingback: Bloody Mary, Bloody Mary, Bloody Mary... | Blog di luomodimezzanotte

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...