Creepypasta? Introduzione Nel Magico Mondo Della Narrativa Horror. (Prima Parte)

CREEPYPASTA

Una parola che letteralmente non ha nessun significato.

Ma è anche una parola dalle molte facce, è una mania che sta dilagando, da diversi, anni nella Rete.

Ed è proprio questo il senso del Creepypasta.

E’ una leggenda metropolitana, inventata da utenti, che pone le sue fondamenta su qualsiasi cosa che sia un fenomeno di massa.

Ne avrete sicuramente sentito parlare, pur non sapendo bene che cosa siano: creepypasta di videogiochi, creepypasta di cartoni animati o film, creepypasta delle cose più disparate che possiamo trovare qua e là su internet. Il fenomeno è talmente vasto che le pagine che raccolgono queste “storie di paura” sono migliaia e tradotte in ogni lingua del mondo. Perchè il Creepypasta non ha nazionalità, non ha confini ma, soprattutto, non ha limiti.

Per quanto riguarda l’Italia, in questo caso, devo spezzare una grossa lancia a favore dell’enorme lavoro che un team di persone, ha fatto in diversi anni:

http://it.creepypasta.wikia.com/wiki/Creepypasta_Italia_Wiki

Creepypasta Italia Wiki è il più grande portale italiano che raccoglie (e che continua a catalogare), tutte le (o “i”) creepypasta di cui abbiamo bisogno. I ragazzi del team danno anche la possibilità agli utenti, di inviare delle loro storie, al fine di venire pubblicate sul sito, per far sì che ci siano costanti aggiornamenti e che la mania delle creepy story vada diffondendosi.

Nella sezione “come scrivere un creepypasta” troviamo anche delle ottime linee guida che ci potrebbero servire: “La prima cosa a cui bisogna pensare per mettere in pratica questo tipo di narrativa è di pensare ad una situazione/trama che possa far immedesimare facilmente il lettore, quindi cercare di ricreare un’atmosfera apparentemente quotidiana e tranquilla. È più semplice se si prende spunto da esperienze normali che si svolgono poi in modo tale da creare l’ansia nel lettore, oppure partire da una situazione normale e cambiare la chiave di lettura per creare quel che si dice un “mindfuck” (un gioco mentale) come questo esempio: PORTE. Questo può essere un input semplice per chi non ha mai scritto Creepypasta ma essa può essere sviluppata in più modi, purché si mantenga un effetto sorpresa abbastanza realistico.”

Ogni Creepypasta che si rispetti ha, quasi sempre, un’immagine di accompagnamento: tra le più classiche troviamo disegni fatti da bambini che ritraggono amici immaginari, fotografie di fantasmi o addirittura veri e propri quadri deliranti che mantengono la scia del suddetto Mindfuck.

slenderman_by_valuneird-d5u95sy

Adesso immaginate di essere un soggetto facilmente impressionabile, uno di quelli che si è spaventato guardando “Paranormal Activity” o “Scream”. Immaginate di essere soli in camera, magari sdraiati sul letto, con la vostra faccia illuminata solo dalla luce di un tablet acceso. Voi state leggendo una storia, ed è così verosimile che vi ricorda qualcosa che vi è successo durante la vostra infanzia. Qualcosa che avevate rimosso, che avevate dimenticato, perchè troppo doloroso per essere affrontato. Immaginate, che una volta aperta questa ferita, voi non foste in grado di richiuderla, e che veniste sopraffatti dal dolore, dalla sofferenza, dal male…

Questa storiella di pochissime righe, potrebbe essere un ottimo inizio per la stesura di un Creepypasta “ad hoc”. Bisogna solo trovare l’atmosfera perfetta per il nostro racconto.

Dai Creppypasta più famosi sono nati anche diversi film: “Smiley” di  Gallagher, che ha terrorizzato il pubblico americano nel 2012; lo stesso “The Ring” che pur basandosi su una leggenda giapponese, ha una trama trattata plurime volte nei creepy più famosi; “Stay Alive” del 2006 con il suo famoso videogioco che uccide; cortometraggi come “Daddy” che ho recensito, potrebbero essere trattati da storie del genere.

Esistono moltissimi canali YouTube che parlano dei famosissimi Creepypasta dei Videogames.

Il migliore tra tutti è quello dei ragazzi di “Parliamo di Videogiochi”, con la loro favolosa rubrica “CREEPY GAMES”:

https://www.youtube.com/show/creepygames

Tra i più famosi posso citare “La Sindrome di Lavandonia” e “Misfortune”, che hanno come sfondo videogiochi dei Pokèmon; oppure la maledizione di “Majora’s Mask” e “Ben Drowned” basati sulla saga di ZELDA.

Paradossalmente, la creatura che terrorizza i nostri incubi e che è nata grazie a Internet ed ai Social Network, lo “SLENDER MAN” , è un Creepypasta!!!

E’ un mondo talmente vasto che, riuscire a dare soltanto un’idea degli infiniti Creepypasta  che sono stati creati nel giro di decine di anni, è impossibile.

Può essere che, alla luce di tutte queste storie che stanno popolando link e blog di ogni genere, ci si possa considerare spettatori di un mondo letterario che sta, piano piano, andando a consolidarsi?

Alla paura, nel 2014, è difficile dare un volto. Nel 1931, bastava il volto di Bela Lugosi, con due denti finti da vampiro, a spaventare intere generazioni di bambini (e perchè no, anche di adulti).

Adesso cos’è che riesce a fare davvero paura?

Forse è quel senso di angoscia che ci sale leggendo una storia di paura? Forse è quella sensazione che ci fà voltare nella notte, quando ci sentiamo osservati? Forse è quel videogioco di cui, in molti, dicono che sia maledetto? Forse è quella creatura senza volto, con le braccia lunghe fino a terra e vestito in giacca e cravatta, che ci sta scrutando nascosto dietro all’albero…

Prima di lasciarvi vi anticipo già che il post di Lunedì sarà, appunto, la recensione di un cortometraggio sullo Slender Man.

E che la serie sulle origini dei Creepypasta continuerà sporadicamente su questo blog.

Votate quindi a favore di questa serie di Special Post qui:

  1. Pagina Facebook: https://www.facebook.com/luomodimezzanotte?ref_type=bookmark
  2. Email: matteo.bennardi@gmail.com
  3. Direttamente nei commenti del post
Annunci

7 pensieri su “Creepypasta? Introduzione Nel Magico Mondo Della Narrativa Horror. (Prima Parte)

  1. Pingback: Red Balloon. Chi Ha Paura Delle Bambole? | L'Uomo Di Mezzanotte

  2. Pingback: Creepypasta: Seconda Parte | L'Uomo Di Mezzanotte

  3. Pingback: Tarako. The (Creepy) Pasta Sauce. | L'Uomo Di Mezzanotte

  4. Pingback: Lord Of Tears – Angoscia e Terrore Per Un Grande Capolavoro | L'Uomo Di Mezzanotte

  5. Pingback: Slender Man. Mitologia e Origini Di Un Mito. | L'Uomo Di Mezzanotte

  6. Pingback: Charlie Challenge. Un Gioco Pericoloso… | L'Uomo Di Mezzanotte

  7. Pingback: Le Leggende Di Mezzanotte. Ep.4: Il Soldato Greco | L'Uomo Di Mezzanotte

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...