Daddy. More Please!!! It’s a Mind Fuck!!!

Nuovo post del venerdì. E questa volta lo short che vado ad analizzare, spero che vi tormenti per tutto il weekend!!!

Torniamo sulla realizzazione dei film a budget basso o budget zero, come questo.

La fotografia è buona, le inquadrature azzeccate, la recitazione è ottima.

Il regista, Lee Boxleitner, californiano, ha all’attivo già diversi cortometraggi e sa come far paura!!! Leggendo sulla sua pagina YouTube ho scoperto che sta lavorando su un nuovo cortometraggio horror che sarà pronto a breve. Speriamo che arrivi prima della fine dell’estate. Ha partecipato anche al “NO BUDGET FILM FESTIVAL” di los Angeles con il corto “A Friend Indeed“.

Il corto punta non tanto sulla sceneggiatura, quanto sulla paura insita dentro ognuno di noi. E’ la paura che spinge verso la pazzia, la Psicopatofobia stessa, mossa a dovere dalla paranoia e dal non riuscire ad uscire da una situazione molto difficile. E’ il caso del protagonista di questo film, intrappolato in un Mind Fuck più grande di quanto possa affrontare. Ci sono numerosi cliché della cinematografia horror, ma accostate l’una all’altra fanno di “Daddy”, un bellissimo prodotto finale: la telefonata della moglie che lo riporta per un attimo alla normalità, facendoci pensare “Ma allora stava solo sognando?”; il vestito molto “a bambolina” della figlia che crea un contrasto molto acceso con le scene buie e cupe dell’appartamento; cose già viste, è vero, ma è un cortometraggio che ti entra dentro. E’ il corto che ti ricordi, magari a notte fonda mentre stringi la tua faccia tra le lenzuola. E’ quel film che ti fa controllare, più volte, che nella stanza non ci sia nessuno. E’ il corto vero perchè, ahimè, tratta di situazioni che possono anche capitare a tutti. Il dolore di un padre o una madre che ha perso tutto, è più spaventoso di ogni altra cosa al mondo.

La colonna sonora è molto bella: un pianoforte lento che scandisce ogni passo della telecamera che vaga tra le stanze dell’abitazione. E’ forse il Music Theme più bello che, per adesso, abbia mai recensito qui sul Blog. E’ profondo, dolce e inquietante allo stesso tempo. Mi ricorda un po’ la Soundtrack “PAINFUL MEMORIES” di Normand Corbeil del videogame HEAVY RAIN, ricordate?

Dunque, alzate il volume, chiudete gli occhi e… aspettate la nuova recensione di Lunedì 23 Giugno.

Ho scelto un cortometraggio molto… FUTURISTICO… per ricordarvi che la paura non ha tempo.

Annunci

6 pensieri su “Daddy. More Please!!! It’s a Mind Fuck!!!

  1. Pingback: MAMA. Del Toro Sceglie i Fratelli Muschietti | L'Uomo Di Mezzanotte

  2. Pingback: VICTIM. The Slender Man Short Movie. | L'Uomo Di Mezzanotte

  3. Pingback: Il Futuro Dell’Uomo di Mezzanotte: Situazioni e Anticipazioni Sui Post Che Verranno… | L'Uomo Di Mezzanotte

  4. Pingback: Mean Teddy. Il “2.0” Delle Fiabe. | L'Uomo Di Mezzanotte

  5. Pingback: Downstairs. Il Ritorno Di Lee Boxleitner. | L'Uomo Di Mezzanotte

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...